Home News Mettere al sicuro i propri capitali con un investimento in diamanti

Mettere al sicuro i propri capitali con un investimento in diamanti

106
0
SHARE

Tra le più sicure possibilità di investimento, i diamanti rappresentano la migliore soluzione

Occorre considerare l’acquisto dei diamanti da investimento non come una speculazione rischiosa bensì come una opportunità certa di mantenere inalterato il proprio capitale mettendolo al sicuro da inflazioni e da pericolosi azzardi di borsa. Purtroppo conosciamo quanto accaduto in questi ultimi anni non solo a coloro che avevano investito in titoli azionari (da sempre si sa che rappresentano un grande rischio ma che possono ottenere i vantaggi di grandi speculazioni) ma anche a chi si è affidato a quelli definiti titoli sicuri che sicuri non si sono rivelati.
I diamanti sono dei beni rifugio che, non essendo considerati strumenti finanziari, non devono sottostare a nessuna legislazione a proposito della loro compravendita e non sono tassati.
Chi si avvicina per la prima volta a questo tipo di investimento deve essere consapevole di alcune cose che è fondamentale conoscere.

Piccole ma essenziali informazioni utili

Come prima accennato, investire in diamanti non può essere considerato come una speculazione dove in breve tempo si potrà godere dei suoi frutti. Anzi, al contrario, occorre vedere questo tipo di capitalizzazione come una cosa a lungo termine che frutterà un discreto surplus non prima di dieci anni anche se venti possono essere considerati come punto di arrivo.
I diamanti da investimento devono essere acquistati presso quelle realtà di compravendita che si sono affermate in questo settore come la www.idclondon.net che si è specializzata proprio in questo particolare segmento dedicato agli investitori e a chi commercia con queste gemme.
Un diamante da investimento deve essere accompagnato da un certificato rilasciato da un primario Istituto Gemmologico (come l’Istituto Gemmologico Internazionale o altri riconosciuti) che, dopo aver esaminato la pietra, ne attesta il colore, la purezza, il taglio, il peso in carati: tutti elementi, questi, che determinano il suo valore.

L’andamento del mercato diamantifero è, anche in Italia, in netto sviluppo dal momento che l’investimento ha un tasso di crescita più alto rispetto all’inflazione sempre a patto di mantenerlo in essere per il lungo periodo come prima specificato.
Ammettendo che non ci siano limiti di budget da parte della persona che vuole investire in questo mercato, è tuttavia consigliabile, rivolgere la propria attenzione verso quei diamanti che hanno una grandezza da 0,5 fino a 2 carati in quanto, se è pur vero che quelli di peso superiore farebbero maturare un guadagno maggiore, è da tenere in considerazione che il mercato degli acquirenti si restringerebbe in maniera esponenziale dal momento che non sono in molti a voler spendere cifre considerevoli per l’acquisto di un diamante decisamente molto impegnativo.

Meglio scegliere all’interno del range suggerito per avere più possibilità di smaltire il bene una volta che si è deciso per la sua vendita.

Concludendo

Molte sono le banche che si offrono come mediatori per tali investimenti ma è bene sottolineare le alte commissioni che vengono richieste sia all’atto dell’acquisto che quando si vende, fermo restando il fatto che possono a loro discrezione, gonfiare il prezzo di acquisto, non avendo il mercato dei diamanti, una valutazione fissa come invece accade per l’oro. Le ultime raccomandazioni sono quelle di considerare l’investimento in diamanti come una sicurezza sulla quale puntare un 10-15% del capitale che si vuole impegnare magari affianco a quello dell’oro o argento, per diversificare le opportunità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here