Home News La Camera conferma la fiducia al governo sul dl banche ma i...

La Camera conferma la fiducia al governo sul dl banche ma i grillini si oppongono

44
0
SHARE

La Camera ha confermato la fiducia al governo, per quanto riguarda il decreto legislativo sulle banche venete infatti sono stati in aula 318, i voti favorevoli. Invece, è stato il Movimento 5 Stelle a presentare oltre 83 emendamenti, per cercare di modificare il decreto legislativo che non convince i pentastellati. Le discussioni rispetto al decreto legislativo salva banche, avevano interessato tutto il paese nell’arco delle ultime 48 ore. Invece poi, nella prova, la Camera ha dato la conferma della fiducia al governo per quanto riguarda il decreto sulle banche venete e solo 178, sono stati contrari mentre 318 hanno manifestato la loro volontà favorevole di sostenere il governo guidato da Paolo Gentiloni, su questa vicenda. Un solo parlamentare si è astenuto. In particolare, però a parte quella che è stata la battaglia dei 5 stelle, che adesso presenteranno tutti gli emendamenti nell’ambito della conferenza dei capigruppo, il decreto va avanti spedito. Sul caso delle banche, si è espresso anche il presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella che ha chiarito come è in fase di promulgazione, la legge che si occupa della commissione di inchiesta rispetto al sistema bancario ed anche relativamente a quello finanziario. Il capo dello Stato infatti, aveva promesso che ci sarebbe stato uno attento e scrupoloso controllo, proprio sul sistema bancario italiano per cercare di riformarlo ed evitare che il fallimento potesse arrivare impietoso.  La discussione relativamente al sistema banche comunque, non sembra destinata ad esaurirsi facilmente, in quanto quello che si teme, è che l’aiuto del governo al sistema bancario relativamente alle banche venete dove arriveranno altri 35 miliardi, almeno secondo le manifeste intenzioni di intervenire, possano ulteriormente impoverire il paese andando a rinforzare delle lobby di potere. È proprio per questo motivo che le opposizioni avevano chiesto di effettuare un controllo in aula, per cercare di capire se il governo avesse i numeri sufficienti per portare avanti questo decreto legislativo volto a salvataggio delle banche venete. Alla fine però, la Camera ha dimostrato la sua fiducia nei confronti del decreto voluto dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e quindi, si procederà in maniera spedita mentre però continua la politica ostruzionistica annunciata da movimento di Beppe Grillo, relativamente a questa vicenda e perciò l’esame delle osservazioni e degli emendamenti proposti dai pentastellati potrebbe ritardare l’arrivo definitivo della legge. Si tratta comunque di una vera e propria corsa contro il tempo, per evitare il fallimento delle banche venete davvero in grave difficoltà in questo particolare periodo di crisi economica e finanziaria.